green_pass

CONSEGNA GREEN PASS
LUOGHI DI LAVORO

A seguito della conversione in Legge del D.L. 127/2021 e delle modifiche apportate, Il Collegio delle Società Scientifiche Italiane di Medicina Estetica composto da Agorà, Sies e Sime ha predisposto, con il suo Ufficio legale, l'integrazione documentale in riferimento alle verifiche funzionali all’obbligo di green pass per i lavoratori e all'eventuale consegna di quest'ultimo al datore di lavoro.

 

Come già indicato nella precedente comunicazione, ai sensi del DPCM 17 giugno 2021, art. 13 e del D.L. 21 settembre 2021, n. 127, art.3, con riferimento all’ambito lavorativo pubblico e privato, è fatto obbligo di Certificazione Verde Covid-19 Green Pass per tutti i soggetti che svolgono, a qualsiasi titolo, la propria attività lavorativa o di formazione o di volontariato e che, per svolgere dette attività, accedano a un luogo di lavoro, anche sulla base di contratti esterni.

 

Con la conversione in legge ( L. 19 novembre 2021, n. 165), al fine di semplificare e razionalizzare le verifiche il lavoratore potrà chiedere di consegnare al datore

di lavoro copia del proprio Green Pass.

Nel caso in cui il lavoratore decida di consegnare il Green Pass, lo stesso risulta esonerato dai controlli giornalieri a cura del datore di lavoro o da personale da quest'ultimo formalmente incaricato.

Per tutti coloro i quali decideranno di non consegnare la propria certificazione verde Covid19, permarranno le disposizioni in riferimento alla verifica giornaliera del Green Pass.

 

Al fine di supportare i propri associati, l’Ufficio Legale del Collegio ha integrato la seguente modulistica:

1. Modello di richiesta consegna Green Pass 

Questo modello potrà essere compilato dal lavoratore che intende consegnare il proprio green pass al datore di lavoro.

 

2. Registro consegna Green Pass

Nel registro sarà necessario indicare: Nominativo del lavoratore - data della richiesta - firma del lavoratore richiedente - data di scadenza Green Pass


3. Modello comunicazione interessati
modello, aggiornato con la possibilità di consegna del Green Pass, utilizzato per rendere edotti gli interessati degli obblighi, modalità di verifica e conseguenze, anche in questo caso per poter attestare in caso di controlli l'adozione di idonee procedure.

 

Permane il divieto di chiedere green pass ai pazienti.

 

Si ricorda che in caso di consegna del Green Pass, il datore di lavoro (e il personale incaricato) dovrà trattare e conservare i dati personali e sensibili nel rispetto degli obblighi di legge previsti e di futura previsione, nonché in conformità al Reg. UE 2016/679 e del D.Lgs 101/18, individuando tutte le misure idonee e richieste per la tutela dei dati personali.